lunedì 9 maggio 2016

Torta salata con carote e patate dolci...e la pappa di Rebecca. Perché "tu is megl che uan"!

L'inverno è finito, il mio primo compleanno da mamma è già passato e la mia creatura a fine Aprile ha già compiuto 1 anno. Il tempo scorre ad una folle velocità e non me ne rendo conto. Riguardo le sue fotografie di quando era un "ragnetto" di appena 3,5 kg, rivedo quelle manine piccole che stringono il mio dito, un dito che sembra enorme rispetto a quelle dolci zampette.
Riguardo, ripenso a ciò che ho fatto e a come l'ho fatto, piagnucolo già per la nostalgia di ciò che è stato e sorrido per le rosee speranze che nutro in ciò che verrà. Ormai lei è il mio tutto, ho scelto di occuparmi della mia cucciola con tutta me stessa, dedicandole tutto il tempo di cui ha bisogno. Non potrei più immaginare una vita senza di lei e giuro che fatico a ricordare i miei giorni prima del suo arrivo. Occuparsi di un bebè è un grosso impegno ed è faticoso ma è così appagante e tremendamente emozionante che la fatica che si prova svanisce quando si riceve in cambio un sorriso sdentato.



Ingredienti 

1 rotolo di pasta brisée (meglio ancora una pasta brisée fatta in casa!) 
5 carote
1 patata dolce
1 uovo grande
200 gr di yogurt greco

Cumino
Noce moscata
Curry
Sale
Pepe
 


Preparazione

mercoledì 17 febbraio 2016

Dolcetti morbidi al cocco e cioccolato fondente...e voglia di COCCOle!

Lei dorme e io sforno dolcetti. Non chiedetemi dove ho preso questa ricetta perché non ne ho idea, ho ritrovato un foglietto scritto a mano tra le mille ricette raccolte negli anni ed essendo un dolcino molto molto veloce da fare, non ho esitato. Qui le giornate scorrono velocissime, alcune di più e alcune di meno e non mi sembra vero che Rebecca abbia già 9 mesi. Non voglio fare la mamma tronfia che parla solo ed esclusivamente della sua prole....ma è uno degli argomenti che conosco meglio! Anche se in realtà ogni giorno scopro cose nuove di lei e di me...perché lei cresce ma cresco anche io insieme a lei. Mi prendo cura di un altro esserino indifeso che non è qui per scelta sua, ma per amore di due genitori che l'hanno tanto desiderata. Lei non conosce il nostro mondo e lo sta scoprendo piano piano con i suoi tempi. A volte pretendiamo molto dai nostri bimbi, forse troppo. Pretendiamo che dormano da soli quando non l'hanno mai fatto, che giochino da soli e stiano buoni sul tappetone mentre noi svolgiamo le nostre attività quando loro non sanno ancora stare da soli. Pretendiamo che stiano zitti e non piangano quando in realtà è il loro unico modo di comunicare con noi...sta a noi, con il tempo, capire cosa vogliono comunicarci: stanchezza, noia, disagio, fame, paura, sete, rabbia, fastidio, dolore...è un mestiere così difficile quello del genitore ma credo che essere figli, soprattutto neonati, non sia tanto più semplice.
Per tante persone la mia bimba è già grande e io dovrei lasciarla piangere quando in realtà lei vorrebbe stare in braccio a me. Per loro dovrei smettere di darle il seno quando lei lo cerca, perché è un "vizio" e comunque "perchè mangia già le sue pappe!" ma io so che il seno è una cosa che la tranquillizza quando ha un disagio di qualunque genere e in ogni caso il latte c'è ancora (checché ne dicano fior fior di sapientoni..."il latte dopo i 6 mesi non è più nutriente ma è solo acqua" oppure "ora sei solo il ciuccio di tua figlia!")...perché privarla di questa cosa se fa piacere ad entrambe? Io mi godrò questi nostri momenti finché lei lo vorrà e finché io potrò assecondarla. Onestamente dei consigli e delle opinioni non richieste non me ne importa un fico secco! Io so cosa cerca la mia bimba, per ora cerca le mie braccia e il contatto con me e io sono qui per lei. Ah...e no, non l'ho mai lasciata con altre persone da quando è nata, se non con il papà...ecco che i vizi continuano, quindi! Insomma sono una mamma troppo presente nella vita di sua figlia....che scempio! Crescerà viziata, asociale, senza voglia di camminare e a 10 anni prenderà ancora il latte materno...già, ne sono certa! :) Fino a qualche mese fa me la prendevo ma ora sono commenti che mi fanno quasi sorridere.
Mi mangio un dolcetto ancora tiepido mentre aspetto che la piccola si svegli per riempirla di coccole...


Ingredienti per c.ca 25 dolcetti
2 uova
140 gr di zucchero
125 gr di cocco grattugiato
50 gr di farina di riso
1 pizzico di sale
Zucchero a velo q.b.
100 gr di cioccolato fondente

Preparazione

martedì 9 febbraio 2016

Fusilli lunghi con cime di rapa, acciughe e cuore di burrata

Buon compleanno nonna Bruna.
Buon compleanno a te che sei sempre al nostro fianco. A te che sei l'angelo custode della piccola Rebecca.
Buon compleanno a te che avresti voluto essere qui a giocare con noi, a cullare la tua nipotina e a pettinarle i capelli o a farle i "grattini" come quelli che facevi a me e che mi piacevano tanto.
Buon compleanno mamma. La tua mancanza pesa come un macigno nonostante la gioia di avere tra le braccia questa splendida creatura. È difficile spiegare alla gente che non è per nulla facile perché in alcuni momenti avrei tanto desiderato un tuo consiglio, una tua parola, un tuo abbraccio. Perché gli altri non sono te e solo la mamma può fare o dire certe cose, solo la mamma è quella di cui hai bisogno in certe situazioni, solo con la mamma puoi avere un rapporto di piena fiducia e di complicità che con gli altri non puoi avere.
Mi manchi e nonostante tu non sia fisicamente qui, sto cercando di farti vivere nel presente di mia figlia per fare in modo che lei ti porti sempre con sé nel suo futuro. Saresti stata la nonna che io non ho avuto, quella nonna dolce che racconta favole e profuma di torta, quella nonna a cui dire i segreti certi di non essere presi in giro, quella nonna che con solo una sua carezza sa farti passare qualunque dolore, quella nonna che non avendo la possibilità di comprarti milioni di giochi ti riesce a far divertire con i pon pon di lana, le scatoline di carta e la pasta di sale. Quella nonna che alle 16.00 ti chiama a rapporto per fare merenda e fa merenda insieme a te. Quella nonna che Rebecca non conoscerà e non chiamerà mai ma che la proteggerà in ogni istante della sua vita.
Auguri dolce, dolcissimo angelo.


Ingredienti
200 gr di fusilli lunghi
300 gr di cime di rapa
5/6 acciughe
1 spicchio d'aglio
1 burrata
Olio EVO
Sale
Pepe (o peperoncino se lo preferite)

Preparazione
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...