giovedì 20 giugno 2013

Spaghetti ai gamberi con zucchine e pomodori Pachino

Lo so, lo so...è banale! Del resto è un abbinamento che tutti conoscono e che tutti hanno cucinato almeno una volta. Ma spesso ricerchiamo ingredienti nuovi che nessuno al mondo conosce, contrasti di sapori che devono per forza stupire, piatti assolutamente innovativi quando, almeno ogni tanto, basterebbe scegliere degli ottimi prodotti e cucinare un normalissimo piatto di spaghetti!
Bene, ieri ho proprio pensato che la banalità si sarebbe impossessata di me e della mia cucina. E devo dire che il risultato è stato più che apprezzato!

Ingredienti per 4 persone
350 gr di spaghetti trafilati al bronzo
300 gr di gamberi grigi freschissimi
3 spicchi d'aglio
1 peperoncino piccante secco
2 zucchine di piccole dimensioni
1 grappolo di pomodorini Pachino
erba cipollina fresca
basilico fresco
olio EVO
sale
1/2 bicchiere di vino bianco
 

Preparazione
Per prima cosa metto la pentola dell'acqua sul fuoco. Intanto che l'acqua inizia a bollire, preparo il sugo. Affetto sottilmente le zucchine e taglio i pomodorini in quarti. Sguscio i gamberi e tolgo l'antiestetico (e non buono!) budellino. Riduco i gamberi in pezzetti ma se volete, potete tenerne qualcuno intero per "decorare" il piatto. Faccio soffriggere l'aglio in camicia in una padella insieme ad un filo d'olio e al peperoncino. Aggiungo le zucchine e faccio cuocere un paio di minuti. 
Dopo aver salato l'acqua e aver aspettato di nuovo il bollore, posso buttare la pasta. 
Unisco alle zucchine anche la dadolata di gamberi (e, nel caso in cui li abbia tenuti, i gamberi interi) e faccio cuocere per qualche istante sfumando con il vino bianco. Quando il vino è evaporato aggiungo i pomodorini, aggiusto di sale faccio cuocere ancora un minuto. I pomodorini devono essere solo scottati per cui spengo subito il fuoco e unisco al sugo un trito di erba cipollina e basilico. Lascio riposare qualche istante mentre porto la pasta a cottura.
Scolo gli spaghetti al dente e li manteco nella padella insieme al sugo. Servo con un giro d'olio a crudo.


E poi ditemi se la banalità a volte non fa centro...

1 commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...