lunedì 24 febbraio 2014

Polpette al vino bianco

Ricordo che il profumo di queste polpette mi metteva una fame! Entravo in cucina e non potevo resistere, dovevo rubarne almeno una dalla padella. Questo piatto mi ricorda proprio la cucina della mamma. Mi affacciavo alla porta e la vedevo con il suo grembiule davanti alla stufa accesa, i mestoli appoggiati su di un piattino e la tavola apparecchiata con il vassoio di formaggi in bella mostra. Il calore di quella cucina era unico. Ogni tanto ho la necessità di risentire quei profumi e quei sapori...sono rassicuranti come un caldo abbraccio. In questo periodo ho proprio bisogno di questo, quindi...facciamo piovere polpette!


Ingredienti
400 gr di macinato di manzo
250 gr di salsiccia di maiale
50 gr mollica di pane raffermo
latte q.b.
misto aromi essiccati (timo, rosmarino, erba cipollina, salvia)
1 scalogno tritato finemente
1 bicchiere di vino bianco
farina q.b.
sale
pepe
olio EVO

Preparazione
Metto la mollica del pane in ammollo in un po’ di latte. Nel frattempo in una terrina lavoro il macinato insieme alla salsiccia sbriciolata poi unisco la mollica ben strizzata, gli aromi e lo scalogno tritato. Aggiusto di sale e pepe poi inizio a formare le mie polpettine che dovranno essere grosse come una noce. Le ripasso nella farina e le cuocio in una padella ben calda unta con un po’ d’olio.


Quando le polpette sono rosolate sfumo con il vino, lascio evaporare un istante poi copro e lascio cuocere ancora per 15/20 minuti muovendo la padella di tanto in tanto per far sì che le polpette non si attacchino e che si crei una bella salsina viscosa.
 
Queste polpette vanno rigorosamente servite caldissime.

4 commenti:

  1. Splendide. Le hai realizzate alla perfezione. E complimenti anche per come le hai proposte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Clara, sono davvero semplicissime ma sono una bontà piena di morbidezza e sapore! Poi mi riportano indietro negli anni ed è sempre un bel viaggio :)

      Elimina
  2. Così in bianco non le ho mai cucinate! Mi ispirano non sai quanto! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Emanuela! Provale poi fammi sapere. Sono di una semplicità assurda ma spesso le cose più semplici sono le più buone! :)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...