mercoledì 16 luglio 2014

Spaghetti alla chitarra con crema di patate al limone, ciuffetti di mare e pomodorini al timo

Qualche settimana fa girovagavo in libreria alla ricerca di un romanzo da leggere poi l’occhio è caduto sulla sezione “cucina”…e lì mi sono un po’ persa. Sono uscita dal negozio con tre libri, e non erano romanzi: uno stupendo libro di cucina vegetariana, uno sul pane e uno di Alessandro Borghese ("Tu come lo fai?" edito da Mondadori), chef che adoro per la sua simpatia e la sua spontaneità. Daniele apre il libro e indicandomi la ricetta dei Tonnarelli con crema di patate al limone, pomodorini confit e calamaretti spillo mi dice “Fammi questa!”. Generalmente quando vedo una ricetta altrui che mi ispira, il mio atteggiamento è il seguente: osservo la fotografia, ne leggo il titolo, studio attentamente gli ingredienti e do una velocissima occhiata alla spiegazione della ricetta, soprattutto per capire se sono presenti lavorazioni particolari o meno. Di solito poi eseguo le ricette a modo mio, andando a naso e a sensazioni, seguendo magari solo alcune tecniche specifiche. Questa ricetta mi ha ingolosito sin da subito e siccome la spiegazione era breve l’ho comunque letta fino in fondo…stranamente l’ho quasi seguita alla lettera ma potevo non cambiare almeno un paio di ingredienti??? Giuro che però l’ho fatto solo per una questione di reperibilità! Ah beh...ho anche velocizzato alcuni procedimenti e ho adattato le quantità alle mie esigenze...ok, non l'ho seguita così pedestremente!


Ingredienti per 2 persone affamate
250 gr di spaghetti alla chitarra freschi (220 gr di tonnarelli nella ricetta originale)
1 patata grande
150 gr di ciuffetti di mare (160 gr di calamaretti spillo nella ricetta originale)
150 gr di pomodorini datterini
1 limone

1 spicchio di aglio
timo fresco
1/2 bicchiere di vino bianco
olio EVO
zucchero di canna
sale
pepe


Preparazione
Per prima cosa metto a bollire la patata.
Poi preparo i pomodorini. La ricetta prevede pomodorini confit lasciati cuocere in forno a 80° per 3 ore…ma vi pare che io a casa mia faccia questa cosa? Assolutamente no! Ecco l’unica preparazione davvero diversa rispetto alla ricetta originale. Lavo i datterini e li taglio a metà, li dispongo in una padella antiaderente con la polpa rivolta verso l'alto e li cospargo di zucchero di canna (1 cucchiaio circa), sale (1/2 cucchiaino) e timo fresco e faccio cuocere a fuoco medio per circa 10 minuti muovendo la padella di tanto in tanto per evitare che magari si attacchino. Li giro e lascio cuocere ancora per un paio di minuti poi tolgo dal fuoco e copro per tenere in caldo ma faccio attenzione che non si crei troppa umidità all’interno della padella.



Metto a bollire abbondante acqua salata per la cottura della pasta.


Nel frattempo, sbuccio la patata bollita, la taglio e la frullo con un filo d’olio EVO, con il succo del limone, sale e pepe. Qualora il risultato non fosse abbastanza cremoso, potete aggiungere un po’ di acqua di cottura della pasta (questo Alessandro Borghese non ve lo dice ma ve lo dico io!). Per ottenere un composto fluido potete passare il tutto al colino.


In una padella scaldo aglio e olio e faccio cuocere i ciuffetti di mare sfumandoli con il vino e aggiustandoli di sale. Non devono cuocere più di 8 minuti altrimenti diventano gommosi. Nel frattempo butto la pasta che, essendo fresca, ha una cottura di circa 3 minuti. Scolo gli spaghetti un pochino al dente e li ripasso in padella insieme ai ciuffetti rigirandoli spesso fino ad amalgamare bene il tutto. 


Sul fondo del piatto verso la crema di patate, adagio gli spaghetti sulla salsa e termino con i pomodorini e ancora qualche fogliolina di timo.
Vi assicuro che la spiegazione è più complessa dell’esecuzione in sé e vi garantisco che questo è un primo piatto davvero squisito!

10 commenti:

  1. Boniiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii!!!!! Ok...i ciuffetti di mare non mi fanno impazzire (da piccola alla sola vista inorridivo al grido di "I MOSTRIIIIIIII") xò per gli spaghetti alla chitarra ho un gran debole :-))).
    Anch'io ultimamente mi faccio sempre di + fagocitare dalla sezione culinaria delle librerie :-)).
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, è vero che non sei proprio amante del pesce. Sostituisci i ciuffetti con una bella dadolata di guanciale sfrigolato in padella ;)
      Io devo frenare il mio entusiasmo di fronte ai libri di cucina altrimenti rischio di non riuscire ad entrare in casa un giorno o l'altro...la libreria sta cedendo e non so più dove infilare libri e riviste!!!
      Un abbraccio a te <3

      Elimina
  2. Che bel piatto Alessia, magnifica presentazione, da vera chef!! Sei stata bravissima, niente da invidiare alla versione originale di Borghese!
    Capiamo bene la mania di perdersi nella sezione cucina nelle librerie :)
    Buona giornata, un grosso bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che gentili, grazie!!!! Ma ora basta perchè rischio di montarmi la testa! ;)
      Un bacio a voi ragazze!

      Elimina
  3. Questo piatto è davvero appetitoso,sa di mare e di terra,pieno di colori e freschezza....il libro è interessante davvero,alla Mondadori ogni volta svaligerei tutto!.Complimenti!
    Z&C

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ketty!
      Ti capisco, perchè anche io comprerei davvero di tutto in libreria! Sto cercando di ridurre gli acquisti ma è dura, davvero durissima!
      A presto, un abbraccio!

      Elimina
  4. Appetitosissimo!! Complimenti! Mi piac anche la presentazione. Anche io cerco di dare sempre un tocco personale ai piatti. Se no che foodblogger saremmo?! Bello il blog!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria!
      Hai proprio ragione! Difficilmente riproduco una ricetta tale e quale, di solito modifico qualche ingrediente, fosse anche solo una spezia. Mi piace giocare con le ricette e a volte le smonto e le rimonto a mio piacimento e a sensazione.
      Grazie di essere passata :)
      A presto

      Elimina
  5. è una ricetta molto interessante, un piatto unico che aiuta che valorizza i ciuffi di mare in un primo piatto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Carmine!
      Confesso che questo piatto è davvero completo e gustosissimo...Borghese ci ha proprio azzeccato!
      A presto

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...